loader image

Nothing Else Matters non ha bisogno di presentazioni: è il singolo capolavoro dei Metallica, pubblicato nel 1992, che consacra la NARRAZIONE di un gruppo, una canzone, un testo e un video alla storia della musica. Un brano che ribalta la mentalità collettiva del metal – certamente non associato, almeno fino al 1992, alla tenerezza o alla dolcezza. Lo storytelling della ballad sovverte le regole classiche, cambia il punto di vista di un genere musicale, l’heavy metal, caratterizzato da ritmi fortemente aggressivi, dall’enfatizzazione dell’amplificazione e della distorsione delle chitarre, dei bassi, e delle voci, spesso urlate. Il gruppo di Los Angeles azzarda, pubblicando questo brano intimo e personale, decisamente romantico. E correndo il rischio connette un’infinità di persone e di emozioni: “È una canzone che parla della strada, dell’andare in giro, della mancanza di qualcuno che si è lasciato a casa” spiegherà sedici anni dopo l’uscita James Hetfield, il frontman della band, in un’intervista. “Non mi riferisco ad una persona in particolare, ma di un sentimento legato a così tanta gente che non si ha la possibilità di vedere. È un sentimento comune, parla della connessione che possiamo avere tutti con un potere superiore a noi”.

Connessioni che aiutano a crescere, insieme. Come i 107 nomi raccolti da Elisa Caracciolo, creativa che ha realizzato il muro della memoria di San Lorenzo, a Roma. Sono le 107 vittime di femminicidio dall’inizio del 2012 al 25 novembre dello stesso anno. Sono il tributo della street artist ad un tema così importante, per il quale anche noi abbiamo messo e continueremo a mettere la faccia, e sono di nuovo un modo di sovvertire le regole per creare emozioni forti attraverso una nuova narrazione.

Senza scomodare Pessoa e il suo postumo libro dell’inquietudine – “Narrare significa creare, poiché vivere significa soltanto venire vissuto” –, per noi la narrazione è sempre stata il punto di arrivo e di (ri)partenza, il modo per trovare e raggiungere sempre un orizzonte: quella fiducia da cercare e trovare ogni giorno. O, per dirla in musica, “apri la mente per una visione diversa e nient’altro conta”.